Skip Navigation Links
menùExpand menù

  • Monumenti, aree archeologiche, parchi naturali, da nord a sud.

  • Siti archeologici, mare cristallino a sud e nelle isole.

  • Monumenti aree archeologiche, un paesaggio interno intatto.

  • Paesaggi stupendi. La Corsica in camper.

  • Il paese delle biciclette e dei mulini a vento.

  • Il deserto, le oasi e il lago salato.

www.arcipelagoverde.it

Baia Chia

lat.38.889633 long.8.864367
Baia Chia 1987 Baia Chia 1987 Baia Chia 1987 Baia Chia 1987 Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia
Italia Sardegna2015 vedere anche in kayak a Capo Spartivento itinerario rosso

Baia Chia itinerario verde

Arrivati al mare lasciamo le ruote sulla spiaggia e ci imbarchiamo sul kayak. Il mare è una tavola di cristallo con una trasparenza impressionante. Qui a Capo Spartivento abbiamo trovato il mare migliore, benché fare una classifica sia difficile.

Procediamo verso est, superiamo alcune calette e siamo a baia Chia collocata dietro lo stagno di Chia anch'esso fornito da un nutrito numero di fenicotteri rosa. Qui esattamente 28 anni fa è iniziata la nostra storia, di Roberto e Paola, che dura tuttora.

Prendiamo possesso della spiaggia piantando il nostro piccolo ombrellone; a quest'ora i bagnanti sono ancora pochi, l'aspetto della spiaggia in quasi 30 anni è notevolmente cambiato, non c'erano ombrelloni e sdraio a noleggio ben piantati in spiaggia, né c'erano chioschi, tutto era molto selvaggio, ma non c'era neanche il sistema di protezione delle dune con passerelle in legno sopraelevate e soprattutto non c'erano le colonie di fenicotteri rosa che impreziosiscono gli stagni e sono la dimostrazione che il sistema di protezione attuato ha avuto successo.

Peccato solo per le ville che hanno colonizzato la collina arrivando fino alle dune, al posto delle ville, trent'anni fa c'era un campeggio. Tra la spiaggia che si affolla di bagnanti e le passerelle un gruppo di pensionati abbronzatissimi gioca a bocce sulla sabbia, non hanno l'obbligo delle ferie con il contagocce, li invidiamo un po’. Con il kayak mi avventuro ad esplorare la costa orientale, scoprendo altre calette più piccole e scogliose. Ad una di esse si affaccia, dietro una pineta, il campeggio di Torre Chia: l'unico rimasto nella zona e possibile alternativa alla AA camper dove siamo alloggiati.

Uno dei posti più belli della Sardegna sono sicuramente le località comprese nella Costa del Sud. Baia di Chia, con la sua bellissima spiaggia considerata per la sua sabbia gialla chiara finissima una delle più belle della Sardegna. Caratteristica è la torre spagnola edificata vicino alla foce di un fiume; si trova sul promontorio che custodiva l'acropoli punica dell'antica città di Bithia.

Una spiaggia a forma di mezzaluna con rocce alle estremità su un mare trasparentissimo. Percorso il bagnasciuga verso sinistra e superati gli scogli che la chiudono, arriviamo alla contigua spiaggetta dell'isolotto de su Cardinolu (isolotto del fungo), un triangolo di sabbia dorata generata da una scogliera di roccia giallastra coperta da una fitta vegetazione. L'isolotto è collegato alla terraferma da un cordone di sabbia e contiene pochi resti del Tophet Punico di Bithia.

Dietro la striscia di sabbia c'è uno stagno con i fenicotteri rosa. I fenicotteri ricercano il cibo in gruppi anche numerosi, nelle prime e ultime ore del giorno e talvolta anche di notte, camminando nell'acqua poco profonda. Gran parte del cibo viene ottenuto filtrando l'acqua col becco, dalla forma molto specializzata. La lingua, grossa e carnosa, funziona come un pistone per aspirare l'acqua, che viene poi espulsa e filtrata da piccole lamelle poste lungo i margini del becco. La dieta è a base di invertebrati acquatici: crostacei come l'Artemia salina, molluschi, anellidi, larve e crisalidi di insetti. Semi e foglie di piante acquatiche (Ruppia , Scirpus, Juncus, ecc.) vengono a volte ingeriti insieme ad alghe, diatomee e perfino batteri. Occasionalmente, il fenicottero si ciba di insetti adulti, granchi e di piccoli pesci.

 

Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia Baia Chia

Utilizzate la nuovissima App gratuita "Arcipelago Camper" per cellulari e tablet Android: Google Play Store

Parliamo di noi nel web vedere novità: gruppo Facebook ArcipelagoCamper     mandaci una e-mail L'Associazione no-profit Arcipelago persegue le seguenti finalità (Art. 2.):

 Google Analytics visitatori sito

L'utilizzo su altri siti: dei file, dei testi e delle immagini contenute su questo sito, senza preventiva autorizzazione, è espressamente vietata.