Skip Navigation Links
menùExpand menù

  • Monumenti, aree archeologiche, parchi naturali, da nord a sud.

  • Siti archeologici, mare cristallino a sud e nelle isole.

  • Monumenti aree archeologiche, un paesaggio interno intatto.

  • Paesaggi stupendi. La Corsica in camper.

  • Il paese delle biciclette e dei mulini a vento.

  • Il deserto, le oasi e il lago salato.

www.arcipelagoverde.it

Carcassonne

itinerario dagli Appennini ai Pirenei

Visita al centro medievale

lat. 43.206550 long. 2.366810
Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne

È uno splendido paese medievale con una storia interessante, anche se spesso caratterizzata da scontri e guerre.

Tracce di insediamenti antichi hanno mostrato che la zona fu abitata fin da tempi remoti. 3500 a.C.: colonizzazione neolitica della regione di Carcassonne. VI secolo a.C.: la regione fu occupata dal popolo dei Celti, i Volsgi Tectosagi. Vasi, ceramiche e molti altri oggetti furono ritrovati in questo luogo, comprovanti che "Carcaso" fu un importante luogo di commercio.

Nel 118 a.C.: fondazione della colonia romana "Colonia Narbo Martius" (la Narbonne di oggi) - All'inizio della nostra era, Carcaso divenne la capitale della "Colonia Julia Carcaso". La città fu presto circondata da muri di difesa e divenne un importante centro amministrativo. Ci sono stupende testimonianze di quel periodo, la maggior parte delle strutture murarie difensive a nord della città sono gallo - romane.

Dopo la presa visigotica del VII secolo fu conquistata e tenuta per quasi 35 anni dai saraceni, che dilagarono per ondate successive nella regione di Linguadoca. La fama storica di questo paese è data principalmente dagli avvenimenti politici e religiosi che si svilupparono lungo il corso del medioevo. Carcassonne divenne infatti una fortezza catara, e quando fu dichiarata la crociata albigese, per ripristinare il controllo religioso cattolico sulla regione, l’esercito capeggiato da Simon de Montfort dopo un lungo assedio la costrinse alla resa. I catari infatti per via della loro dottrina erano considerati dalla chiesa cattolica eretici.

Nel 1849 la Città fu finalmente salvata dalla demolizione totale e dai danni del tempo. Fu dichiarata Monumento Storico, iniziò la restaurazione diretta dal famoso architetto francese Viollet le Duc.

Nel Dicembre del 1997, la Città Medievale e la chiesa St. Gimer sono state classificate Patrimonio Mondiale dall'UNESCO.

Per iniziare la visita si può, appena varcato l'ingresso ove un tempo sorgeva un ponte levatoio, seguire le indicazioni sulla destra per recarsi all'ottimo ufficio turistico per qualsiasi indicazione. Saliti al piano di sopra nella torre si può acquistare il biglietto ed iniziare la visita passando per il camminamento sopra le mura. Da qui si gode una bella vista, passate diverse torri si arriva al castello. Scendete nel piazzale, vicino all'ingresso del castello salendo al primo piano si possono noleggiare degli apparecchi guida audio. Seguendo le indicazioni si continua la visita nei diversi ambienti. La voce che ci guida interpreta l'architetto Viollet le Duc che ci racconta le diverse fasi della restaurazione della fortezza.

Usciti dal castello, è bello perdersi nei vicoli e gustare qualche prodotto tipico nelle numerose locande, alcune arredate rispettando l'architettura medievale.

Da non perdere la visita alla cattedrale gotica.

La leggenda racconta che, al tempo in cui la città si trovava nelle mani dei saraceni, l'imperatore Carlo Magno l'avesse fatta assediare per conquistarla. Riuscì a far assassinare il re Balaad, che allora regnava sulla città. La sua vedova, che si chiamava Dama Carcas, decise di prendere lei stessa le redini dell'esercito e di proseguire la battaglia contro Carlo Magno: per cinque lunghi anni, le battaglie si susseguirono sotto le mura cittadine, decimando a poco a poco le truppe saracene.

Dama Carcas inventò mille stratagemmi per far credere al condottiero avversario che la città traboccasse ancora di soldati e di ricchezze. Alla fine, quando ormai i viveri erano quasi esauriti, Dama Carcas ebbe l'idea di far ingurgitare ad un maiale quel poco di grano che ancora era rimasto nelle riserve cittadine, e di gettare la povera bestia dalle mura, in mezzo all'esercito nemico. Il trucco ebbe successo, ed i soldati dell'Imperatore, credendo che la città avesse ancora talmente tanta abbondanza di cibo da sprecarlo con i maiali, levarono l'assedio e si ritirarono. Nel riconoscere la fine della guerra, Dama Carcas esultò talmente da far suonare le trombe della città.

E la leggenda narra che i soldati di Carlo Magno, udendo il frastuono, si voltarono e gridarono: "Carcas sonne!" ("Carcas suona!"), battezzando così definitivamente la città.

Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne Carcassonne

Utilizzate le nuovissime App "Arcipelago Camper" o "Arcipelago Camper pro!" per cellulari e tablet Android: Google Play Store

Parliamo di noi nel web vedere novità: gruppo Facebook ArcipelagoCamper     mandaci una e-mail L'Associazione no-profit Arcipelago persegue le seguenti finalità (Art. 2.):

 Google Analytics visitatori sito

L'utilizzo su altri siti: dei file, dei testi e delle immagini contenute su questo sito, senza preventiva autorizzazione, è espressamente vietata.